Home » L’analisi funzionale di un software: perché è essenziale

analisi funzionale

L’analisi funzionale di un software: perché è essenziale

All’interno del processo di sviluppo di un software l’analisi funzionale è quella fase che permette di identificare e circoscrivere i processi che costituiscono un sistema informativo.
Con questa attività è quindi possibile definire tutte le caratteristiche e le specifiche tecniche delle componenti software da realizzare nell’ambito del sistema sottoposto all’analisi.

A cosa serve l’analisi funzionale di un software?

L’analisi funzionale è fondamentale perché consente di definire:

  1. le procedure che stanno alla base delle funzionalità del software in sviluppo;
  2. la data dictionary, ossia una sorta di inventario che consente di definire tutto l’occorrente per lo sviluppo dei diversi processi;
  3. le modalità di navigazione, la user experience e tutte le altre caratteristiche che contraddistinguono il software.

Grazie a questi elementi, e con l’ausilio degli sviluppatori e referenti architetturali, è possibile individuare quali soluzioni sviluppare a livello applicativo a seconda delle esigenze riscontrate. Possono essere utilizzati alcuni strumenti, piuttosto che altri, e l’analisi funzionale è utile a determinare anche questi criteri di scelta.

Perché è importante effettuare l’analisi

La fase di analisi funzionale è così tanto importante perché è propedeutica al proseguo dello sviluppo del progetto stesso. Tutte le fasi che verranno dopo, infatti, trovano fondamento e forza nelle metodologia studiata e analizzata in fase di analisi funzionale, e solo grazie a questa possono poi essere portate avanti indipendentemente. Tutto questo rende i processi di sviluppo molto più efficienti, rapidi e misurabili in funzione dell’obiettivo da raggiungere.

Le variabili da prendere in considerazione in questa fase sono molteplici. Tra queste troviamo, ad esempio, il comportamento del sistema informatico, le limitazioni che possono inficiare lo sviluppo del software, i tempi e i costi di realizzazione del progetto, le diverse analisi tecniche ecc.

Come si fa un analisi funzionale?

Il processo di analisi funzionale è composto da un processo iterativo che prevede diversi step:

  • confronto con il cliente per raccogliere le idee iniziali
  • studio e realizzazione di un documento di sintesi
  • studio e realizzazione del modello iniziale di rappresentazione del sito/software (Wireframe)
  • confronto con il cliente per valutare il lavoro
  • modifiche o approvazione del progetto.

Al termine dell’analisi funzionale è possibile proseguire con tutte le altre fasi di sviluppo di un software, fasi che possono essere gestite e sviluppate in maniera indipendente anche da diverse divisioni aziendali, ma che sempre e comunque partono dai presupposti individuati in fase di analisi funzionale.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn

Leggi ancora

Shopping Basket