Home » Come le applicazioni IoT possono migliorare l’efficienza degli ospedali

iot efficienza ospedali

Come le applicazioni IoT possono migliorare l’efficienza degli ospedali

Quando parliamo di Internet of Things in riferimento all’ambito medico-sanitario è più corretto parlare di Internet of Medical Things.
Stando agli ultimi dati disponibili il numero di dispositivi smart adottati a livello mondiale ha superato già i 100 milioni nel 2020, con un trend di crescita tale da lasciar pensare a risultati ancora più straordinari per il 2021. Questi numeri sono la prova di quanto l’IoT applicato alla sanità sia un fenomeno in forte crescita.
Scopriamo quali sono i vantaggi e le applicazioni più promettenti dell’IoMT.

Le applicazioni IoT applicate agli ospedali

L’IoT applicato in ambito sanitario fa riferimento a tutti quei dispositivi medici collegati a una struttura o operatore sanitario per mezzo di una connessione internet. Si tratta soprattutto di device molto diversi, con funzioni altrettanto differenti, e che in genere sono in grado di raccogliere, analizzare e trasmettere dati sanitari.

Per quanto riguarda gli ospedali, la tipologia di dispositivi adottata rientra in quella macro categoria di oggetti smart che viene definita “in-clinic”, ossia sistemi utilizzati all’interno di un’organizzazione sanitaria per il monitoraggio dei pazienti e per le funzioni amministrative legate alla gestione delle cartelle cliniche.

Un altro esempio di come l’IoT possa essere implementato negli ospedali è quello dei cosiddetti “letti smart”, ossia capaci di rilevare in automatico la presenza o meno di un paziente e regolarsi in termini di angolazione o altezza per fornire un supporto adeguato e un posizionamento corretto.

Di grande supporto per le strutture sanitarie sono poi i cosiddetti dispostivi “on-body”, ossia i device indossabili, sia come veri e propri indumenti, oppure come traker, che integrano tutta una serie di sensori e funzionalità che comunicano in tempo reale lo stato di salute di un paziente ed eventuali anomalie riscontrate nei parametri sotto analisi.

I vantaggi a beneficio delle strutture ospedaliere

I vantaggi a beneficio della sanità e dei medici sono veramente tanti! I dispositivi IoMT possono aiutare a monitorare i parametri vitali e le condizioni psicofisiche di un paziente, possono essere di supporto nella gestione dei farmaci che un paziente anziano deve assumere, possono apprendere le abitudini dei pazienti e lanciare degli allarmi se riscontrano delle anomalie.

Diversamente da quanto si possa pensare, i dispositivi smart non sono e non saranno dei sostituti degli operatori sanitari, bensì saranno un grande supporto all’attività di questi ultimi. I device IoT, infatti, restituiscono dati molto accurati, e riducono gli errori di valutazione, offrendo ai medici curanti una ricca base informativa tramite cui valutare in tempo reale lo stato di salute dei pazienti e intervenire tempestivamente nelle situazioni di criticità.

Uno dei maggiori vantaggi a beneficio delle strutture ospedaliere è dato dalla possibilità di gestire e controllare i pazienti anche da remoto, dando loro quindi la preziosa opportunità di affrontare i periodi di convalescenza-cura in un ambiente familiare, e ai medici di non dover sopportare una pressione ospedaliera eccessiva quando non strettamente necessaria.

Le opportunità per una sanità 4.0

Le opportunità offerte dall’IoMT per il futuro di una sanità 4.0 sono tantissime:

  • migliore gestione dei prodotti farmaceutici
  • migliore esperienza del paziente
  • cure più adeguate e personalizzate
  • miglioramento della diagnosi e del trattamento
  • monitoraggio remoto
  • riduzione degli errori di valutazione o di trasmissione dati

È un’opinione ormai condivisa da tutti che l’IoT offrirà un grande contributo nel rendere più efficiente e puntuale il lavoro delle strutture sanitarie. Questo significa meno visite non necessarie presso il medico curante, meni ricoveri ospedalieri e una completa raccolta e analisi dei dati. Allo stesso tempo i pazienti potranno essere maggiormente coinvolti e saranno sempre più consapevoli sul loro stato di salute.
La raccolta e aggregazione dei dati, inoltre, consente di ottimizzare la gestione dei flussi di lavoro del personale sanitario, riducendo gli sprechi e i costi a carico dell’intera comunità.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn

Leggi ancora

Shopping Basket